La Campania nasconde un segreto vulcanico che va oltre la fama del maestoso Vesuvio che domina Napoli

Stiamo parlando del misterioso mondo dei Campi Flegrei, una terra vulcanica ad ovest della città partenopea. 

Questo luogo affascinante, che abbraccia i comuni di Bacoli e Baia, Monte di Procida, Pozzuoli, Quarto e Giugliano in Campania, è un regno di fuoco attivo da oltre 80.000 anni. 

Con numerosi centri vulcanici sparsi nel territorio, i Campi Flegrei prendono il loro nome dal greco antico, che significa “campi ardenti”

I Campi Flegrei hanno affascinato l’umanità di ogni epoca: qui prendono vita miti antichi e sono accaduti importanti eventi storici. Pensa che fu nei Campi Flegrei che sorse la prima colonia greca del Mediterraneo occidentale, Cuma

Durante l’epoca romana, divennero il cuore pulsante del commercio con l’Urbe, con il porto di Puteoli, l’attuale Pozzuoli, e Baia, amata dalla nobiltà romana per la villeggiatura, che ospitò persino il palazzo imperiale. 

Prenotando le nostre camere di Napoliving, è possibile raggiungere i Campi Flegrei da Napoli grazie alla “Cumana”, un treno che collega il centro (Stazioni: Montesanto, C.so Vittorio Emanuele lato Mergellina e Fuorigrotta) con la zona Flegrea.

Esplorare i Campi Flegrei significa immergersi in un viaggio affascinante attraverso la storia, l’archeologia e la maestosità della natura che caratterizza questa splendida terra campana.

Scopriamo insieme cosa vedere e cosa fare una volta arrivati lì!

Pozzuoli

Pozzuoli, il cuore incandescente dei Campi Flegrei, si erge a una ventina di chilometri da Napoli

Questa perla antica fu colonizzata dai Greci nel lontano 529-28 a.C. e, in seguito, si unì a Cuma, per poi cadere sotto il dominio dei Romani, che la trasformarono nel maestoso porto del Tirreno.

I segni del suo passato glorioso sono sparsi ovunque: l’Anfiteatro Flavio, il quarto più grande d’Italia, si erge con maestosità, mentre il Tempio di Serapide racconta di un mercato romano animato e vivace

Ma le meraviglie non finiscono qui: i resti del Tempio di Nettuno e del Ninfeo di Diana lasciano a bocca aperta chiunque si avventuri nella storia.

Ma Pozzuoli è molto di più di un museo a cielo aperto: oggi è una suggestiva località di mare, incorniciata dal golfo omonimo. 

Perdersi tra le stradine del centro storico significa immergersi nei primi insediamenti romani, risalenti al II secolo a.C. Il Rione Terra custodisce antichi segreti, e un avvincente percorso archeologico sotterraneo attende solo di essere scoperto.

Camminando sul lungomare, la vista si apre verso il porto, da dove farsi tentare alla prospettiva di navigare verso le magiche isole di Ischia e Procida.

E non puoi visitare i Campi Flegrei senza vivere un’esperienza indimenticabile alla Solfatara di Pozzuoli, uno dei quaranta vulcani sparsi in quest’area incantata. 

A soli 3 km dal centro, questo antico cratere è ancora attivo, seppur in uno stato quiescente. Da oltre due millenni, le fumarole d’anidride solforosa, i getti di fango bollente e l’alta temperatura del suolo catturano l’immaginazione di chiunque si avvicini a questa meraviglia vulcanica.

Lago d’Averno

Tra le meraviglie dei dintorni di Pozzuoli, sorge il Lago d’Averno, uno dei cinque laghi dell’incantevole area flegrea, un dono della terra campana forgiato all’interno di uno dei crateri dormienti.

Leggi Anche  Cosa fare a Napoli in estate

Immerso tra le frazioni di Cuma e Lucrino, non distante dal blu del mare, questo luogo è una gemma preziosa intrisa di storia e mistero, oggi dichiarato oasi naturale

I suoi confini abbracciano siti archeologici carichi di antichi segreti, e leggende millenarie lo rendono celebre: il grande poeta latino Virgilio, nella sua epica Eneide, lo ha etichettato come il temibile ingresso agli inferi, aggiungendo un’aura di misticismo al suo splendore.

Parco Archeologico di Cuma e l’Antro della Sibilla

Il Parco Archeologico di Cuma sorse nel 1927, come frutto di audaci campagne di scavo realizzate nei primi decenni del ‘900, che svelarono gli straordinari edifici dell’acropoli. 

Oggi, questo parco straordinario si estende su una vastità di 50 ettari, abbracciando tesori archeologici senza pari.

Visitare l’incantevole acropoli, significa anche scoprire il leggendario Antro della Sibilla, incastonato sulle pendici della collina. 

Ammira la maestosa Torre Bizantina con il suo panoramico Belvedere, la suggestiva Terrazza Inferiore, chiamata affettuosamente Tempio di Apollo, e infine la Terrazza Superiore sulla vetta del Monte di Cuma, nota come Tempio di Giove.

Nella città bassa, un luogo raggiungibile solo in circostanze eccezionali, ti aspettano altre meraviglie, come il Foro, le Terme del Foro, la Crypta Romana, l’antico Abitato, la Porta Mediana e la Necropoli Monumentale.

L’Antro della Sibilla è stato lungamente ritenuto il luogo delle profezie della Sibilla Cumana, ma oggi studiosi appassionati tendono a escludere questa credenza. 

Pare che si tratti di una maestosa galleria risalente all’età sannitica, forgiata tra la fine del IV e gli albori del III secolo a.C., con uno scopo difensivo per la città e il porto sottostanti. 

Abbandonata nel XII secolo, durante il declino di Cuma, questa galleria straordinaria fu riscoperta negli anni ’30 del Novecento grazie all’arduo lavoro dell’archeologo Amedeo Maiuri.

Tutti i napoletani preferiscono, però, credere alla leggenda della Sibilla Cumana, perché i miti sono sempre più affascinanti della realtà.

Baia

Baia, non è mai stata una vera città – in realtà è una frazione di Bacoli – ma è una gemma senza tempo che ha affascinato le menti illuminate dell’antica Roma. Da Pompeo a Giulio Cesare, da Nerone ad Adriano, tutti hanno desiderato immergersi nella sua bellezza. 

Oggi, Baia, parte dei Campi Flegrei, è un tesoro da scoprire assolutamente.

Esplora il Parco Archeologico di Baia e viaggerai indietro nel tempo, immergendoti nello splendore dell’antichità. Quest’ampia area panoramica sulla cima della collina custodisce innumerevoli rovine dell’epoca romana.

Non perderti il Castello Aragonese, affacciato strategicamente sul mare, da cui potrete ammirare l’intero golfo di Pozzuoli fino a Procida, Ischia e Cuma.

All’interno del castello troverai anche l’affascinante Museo Archeologico dei Campi Flegrei. Nelle vicinanze, una piccola spiaggia ti inviterà a una rigenerante pausa tra una visita e l’altra.

E infine, la ciliegina sulla torta: il Parco Archeologico Sommerso di Baia, un vero e proprio scrigno sommerso, custodisce le rovine di domus, ville, terme e mosaici dell’antica città romana, sepolta nei secoli dal fenomeno del bradisismo.

Se ami le immersioni, ti aspettano tesori nascosti tra le acque del Mediterraneo. In alternativa, potrai partecipare a un’avventura a bordo di una barca con fondo trasparente, per osservare la città sottomarina senza bagnarti neanche un piede. 

Leggi Anche  Come visitare il Monastero di Santa Chiara e il suo Chiostro Maiolicato

Lasciati incantare dalla magia di Baia, dove storia, arte e natura si intrecciano in un sogno senza tempo.

Lago Fusaro

Immerso nei Campi Flegrei, poco distante da Baia, sorge il pittoresco Lago Fusaro, una gemma nascosta tra la storia e la letteratura. Un’ispirazione persino per Alexandre Dumas, il celebre autore del “Il conte di Montecristo”.

Al centro del laghetto, sospesa tra le acque cristalline, si erge la Casina Vanvitelliana, un’opera d’arte architettonica firmata dal genio di Luigi Vanvitelli su richiesta del re di Napoli, Ferdinando IV di Borbone

Questa incantevole dimora di caccia e pesca trasuda eleganza e storia.

Il Lago Fusaro e la sua Casina Vanvitelliana rappresentano un’esperienza indimenticabile, un ritorno alle atmosfere aristocratiche del passato, dove natura e arte si fondono in un abbraccio senza tempo.

Poco distante potrai visitare la grandiosità della Piscina Mirabilis, la più imponente cisterna mai costruita dagli antichi Romani in epoca augustea. 

Con la sua capacità di 12.600 metri cubi d’acqua, questa straordinaria struttura aveva il compito di rifornire le navi della marina militare romana.

Tomba di Agrippina

Nascosto tra leggende e misteri, l’arenile della Marina di Bacoli cela un affascinante segreto dell’antichità. Qui, tra le rovine di un monumento imperiale, si narra che riposi Agrippina, figura controversa dell’Impero Romano, tristemente uccisa per ordine del suo stesso figlio, Nerone, nel lontano 59 d.C.

Ma c’è di più dietro questa storia sepolta nel tempo. Questo luogo, apparentemente un sepolcro, è in realtà un teatro-ninfeo, parte di un’antica villa marittima che un tempo si estendeva fino alla sommità della collina. 

L’imponente residenza fu poi devastata, e le sue tracce si intrecciarono con le moderne costruzioni.

Tuttavia, la vera essenza di questa magica location emerge nelle notti di luna piena, quando i pescatori della zona raccontano storie di apparizioni. 

L’anima di Agrippina sembra ancora vagare sull’acqua del molo di Baia, lasciando una scia di mistero e suggestione nell’aria. 

Riserva naturale e Oasi WWF Cratere degli Astroni

A pochi passi dal cuore pulsante di Napoli, ad Agnano, un’autentica meraviglia della natura aspetta di essere scoperta: la Riserva naturale e Oasi WWF Cratere degli Astroni

Un regno segreto appartenente ai vulcani spenti dei Campi Flegrei, che ti catapulterà indietro nel tempo, fino a quando il mondo era governato dalla forza e la furia dei vulcani.

Questo è il luogo dove la Terra stessa ha deciso di svelare il suo fascino. Il Cratere degli Astroni, un gigante assopito, è stato generato da ben sette eruzioni, avvenute tra i 4.100 e i 3.800 anni fa. 

E ora, nel nostro presente, è uno straordinario spettacolo naturale ancora intatto, che si estende su una vasta superficie di circa 250 ettari.

Esplorare questa oasi vulcanica è come entrare in un’opera d’arte di Madre Natura. Sali su rilievi misteriosi, come il Colle dell’Imperatore e il Colle della Rotondella, che ti stupiranno con la loro maestosità. Poi, raggiungi i tre laghetti che si celano nel punto più basso, come gioielli nascosti nella cornice del cratere.

Se ami l’avventura, questo è un paradiso incontaminato. Sentieri mozzafiato ti attendono, invitandoti a cimentarti in escursioni e trekking attraverso paesaggi mozzafiato, mentre i segreti geologici del passato si svelano ai vostri occhi.

Leggi Anche  L’Area Sommersa della Gaiola e il Parco Archeologico del Pausilypon

Dimentica il rumore della città nel Cratere degli Astroni. 

Spiagge dei Campi Flegrei

Dopo aver fatto un tuffo nella storia millenaria dei Campi Flegrei, è ora di abbandonarsi alle carezze del mare. Le spiagge di quest’area vulcanica sono autentiche gemme nascoste.

Scopri i paradisi di sabbia scura e ciottoli, che donano alle spiagge un’aura selvaggia e unica nel suo genere. Tra le più belle, spicca la magnifica spiaggia di Miliscola.

Ma la sorpresa più affascinante si cela a Baia, dove la spiaggia del Castello si lascia raggiungere solo dal mare, riservando un’esperienza esclusiva e inebriante. 

E non possiamo dimenticare la suggestiva Spiaggia Romana di Bacoli, che sembra uscita direttamente da un’antica leggenda.

E proprio a Bacoli, ti aspetta un tesoro unico: l’incantevole insenatura dello Schiacchetiello. Qui, l’incontro tra la terra e il mare crea uno scenario unico.

E se siete alla ricerca di un’esperienza davvero esclusiva, dirigetevi verso l’isolotto di San Martino. Questo piccolo angolo di paradiso si è separato dal Monte di Procida in seguito a un maremoto, dando vita a una cornice suggestiva e incontaminata.

Questo piccolo gioiello è, però, una proprietà privata, raggiungibile a pagamento attraversando un tunnel emozionante lungo 3 km.

Terme dei Campi Flegrei

I Campi Flegrei, tesori vulcanici di bellezza e benessere, nascondono un segreto prezioso: sorgenti termali dalle virtù rilassanti e curative

Se sei in cerca di una pausa rigenerante, ecco due luoghi imperdibili.

Per un’esperienza autentica, immergiti nelle acque delle Stufe di Nerone a Baia, luogo magico dove le antiche terme romane lasciano ancora il segno. Qui, tra piscine a diverse temperature e laghetti incantati, troverai una sorgente di fango termale e due saune naturali, avvolte da piccole grotte suggestive.

Se invece desideri abbandonarti al lusso e alla tradizione, concedetevi un viaggio alle storiche Terme di Agnano

Un vero e proprio paradiso del benessere, dove piscine termali invitanti e una spa elegante ti attendono per massaggi e trattamenti che rigenereranno corpo e anima.

Lasciati cullare dalle acque termali dei Campi Flegrei, dove l’energia vulcanica si fonde con il relax e il piacere del benessere.

Ti aspettiamo da Napoliving!

E ora, dopo aver scoperto l’incanto dei Campi Flegrei e tutti i suoi tesori storici, naturali e termali, non c’è modo migliore di vivere appieno questa esperienza se non prenotando una delle nostre camere presso Napoliving

Situate a soli 15 minuti a piedi dalla Cumana di Montesanto, che ti condurrà ai Campi Flegrei.

Entra nel comfort delle nostre camere e lasciati coccolare dal servizio di qualità offerto dal nostro staff. 

Saremo lieti di rendere il tuo soggiorno a Napoli indimenticabile, con la possibilità di esplorare facilmente le meraviglie vulcaniche della Campania

Prenota ora e regalati una vacanza straordinaria tra storia, natura e benessere! 

Ti aspettiamo!