Venire in vacanza a Napoli è un’occasione unica per visitare alcuni tra i musei più belli d’Italia.

In altri nostri articoli ti abbiamo raccontato del Museo Archeologico di Napoli, del Real Museo del Bosco di Capodimonte e del Museo Madre, dedicato all’arte contemporanea.

Oggi, ti parliamo di una nuova apertura, quella del grande museo delle Gallerie d’Italia di Napoli.

La sede era già presente a Palazzo Zevallos e l’atmosfera era incantevole, tuttavia ad un certo punto è stato necessario trovare più spazio.

Ecco così l’apertura del museo a Palazzo Piacentini, con un’area di 10.000 Mq, dedicati ai capolavori del passato, tra cui una delle più grandi opere di Caravaggio visitabili a Napoli, e anche a quelli moderni e contemporanei.

Ma non solo!

Saranno presenti spazi per le mostre temporanee, una caffetteria-bistrot e il bookshop, al quale si potrà accedere liberamente da Via Toledo.

Dopo essere arrivato nelle nostre camere, potrai raggiungere in pochi minuti a piedi questa Galleria d’Italia o arrivare con la metropolitana e approfittare per vedere la fermata di Toledo, acclamata con tanti premi.

Palazzo Piacentini: la storia

Il nuovo museo “Gallerie d’Italia”, musei del gruppo Intesa San Paolo, è ospitato a Palazzo Piacentini, conosciuto come il Palazzo del Banco di Napoli.

Costruito nel 1939 dall’architetto Marcello Piacentini, l’edificio venne inaugurato il 9 maggio 1940 come ​​sede centrale dell’antico istituto.

Aspetto distintivo del progetto è la grande attenzione alla scelta dei materiali: pietra grigia di Billiemi e travertino conferiscono solennità alla facciata, troviamo inoltre il granito rosso delle colonne del vestibolo, il marmo verde Issorie del pavimento e il marmo rosa Vallestrona delle pareti della grande sala delle casse, la più grande tra quelle realizzate all’epoca.

Leggi Anche  La Neapolis Sotterrata nel complesso monumentale San Lorenzo Maggiore

Lo scalone monumentale conduce al secondo piano, dove il marmo etiope del Salone delle Assemblee gode della luce diffusa attraverso i finestroni schermati da lastre di alabastro

Lo storico palazzo offre al museo una superficie di oltre 10.000 Mq, uno spazio tre volte superiore a quello occupato nella precedente sede di Palazzo Zevallos Stigliano.

Un traguardo che consegna le Gallerie napoletane al pari dei grandi musei nazionali con l’adozione di criteri museologici e museografici più innovativi e standard ai livelli di requisiti museali internazionali.

Gallerie d’Italia a Palazzo Piacentini: cosa vedere

Il Palazzo è oggi ripensato con i più innovativi criteri museografici grazie al progetto architettonico di Michele De Lucchi – AMDL Circle, che prosegue e amplia l’offerta espositiva e culturale proposta nel vicino Palazzo Zevallos Stigliano dal 1999 al 2022.

L’intervento architettonico attuato è di grande impatto e attualizza gli spazi con le opere della collezione permanente, distribuite lungo alcuni itinerari tematici.

Al primo piano, troverai una selezione di dipinti e sculture di ambito napoletano e meridionale, come il Martirio di Sant’Orsola di Caravaggio, realizzato nel maggio del 1610, poche settimane prima della sua morte. 

Ampio respiro troveranno anche alcune opere di Artemisia Gentileschi, Luca Giordano, Gaspar van Wittel, Giacinto Gigante, Domenico Morelli e una selezione di disegni e sculture di Vincenzo Gemito.

Al secondo piano troverai gli itinerari dedicati alle ceramiche attiche e della Magna Grecia. 

Per la prima volta esposta al pubblico, potrai ammirare la storica Collezione Caputi appartenente a Intesa Sanpaolo, formata da oltre 500 vasi e altri reperti realizzati ad Atene, in Apulia e in Lucania tra il V e il III secolo a.C, tutti provenienti da Ruvo di Puglia. 

Leggi Anche  Città della Scienza: conoscenza e divertimento

Inoltre, una selezione di opere dalla collezione d’arte del XX e XXI secolo di Intesa Sanpaolo dal dopoguerra giungono fino al contemporaneo con opere di Lucio Fontana, Piero Manzoni, Enrico Castellani, Mario Schifano, Alighiero Boetti, Michelangelo Pistoletto, Giosetta Fioroni, Carol Rama, Afro, Gerhard Richter, Jannis Kounellis, e Sol LeWitt.

Come abbiamo accennato, troveranno spazio anche le mostre temporanee, ospitate nel grande salone del monumentale ingresso di Palazzo Piacentini su via Toledo.

Sarà allestita anche una nuova biblioteca collegata al Servizio Bibliotecario Nazionale.

Gallerie d’Italia di Napoli: orari e biglietti

Gli orari di apertura sono:

  • Da martedì a venerdì: aperto dalle 10:00 alle 19.00;
  • Sabato e domenica: aperto dalle 10:00 alle 20:00;
  • Lunedì: chiuso.

Il costo dei biglietti è: 

  • Intero: 7 €;
  • Ridotto: 4 € Over 65;
  • Gratuito: Under 18, Clienti Gruppo Intesa – Sanpaolo, Scolaresche;
  • Ogni prima domenica del mese ingresso gratuito per tutti i visitatori.

I biglietti per nuovo il Museo Gallerie d’Italia a Napoli puoi trovarli alla biglietteria in loco oppure online su Ticketone.

Non ci resta che aspettarti

Ti aspettiamo a Napoliving per accoglierti nelle nostre comode camere e fornirti tutte le informazioni necessarie ad organizzare i tuoi itinerari.