Nel nostro blog vogliamo farti scoprire sia la Napoli più conosciuta che quei luoghi meno turistici.

Che tu abbia prenotato una delle nostre camere oppure che tu sia in procinto di farlo, questo articolo ti farà scoprire uno dei luoghi più significativi per la città.

Via Montesilvano, nel Rione Sanità, vive una rinascita artistica e culturale grazie al coraggioso progetto del Vicolo della Cultura, realizzato dall’associazione Onlus Opportunity con la collaborazione dell’azienda Toraldo.

Cos’è e cosa rappresenta per questa zona del centro storico di Napoli?

Il progetto del Vicolo della Cultura, primo in Italia e inaugurato nel dicembre 2019, nasce per sfidare la criminalità organizzata attraverso l’arte, la lettura e la conoscenza

Attraverso murales e installazioni artistiche, il vicolo è diventato un colorato museo all’aperto, situato in prossimità di alcuni beni confiscati alla camorra durante operazioni significative che hanno colpito le organizzazioni criminali di Napoli e dintorni

Ma il punto forte di questo progetto è la creazione una straordinaria biblioteca itinerante, che aggiunge un tocco imponente al panorama culturale del luogo.

Questa iniziativa, infatti, prende vita in uno dei luoghi più simbolici della città, il Borgo Vergini della Sanità, situato nel cuore del centro storico di Napoli.

Scopriamo insieme il Vicolo della Cultura!

Vicolo della cultura: cosa vedere

Via Montesilvano dista solo una mezz’oretta a piedi dalle nostre camere di Napoliving e potrai raggiungerla facendo una suggestiva passeggiata che ti condurrà lì passando da Via Mezzocannone.

Leggi Anche  Napoli sotterranea: come visitare questo luogo imperdibile

Come già detto, è una tipica stradina napoletana, che si è illuminata di nuova luce e colori vibranti trasformandosi nel primo Vicolo della Cultura in Italia

Meravigliose opere di street art realizzate nel contesto del progetto rendono omaggio a icone come Totò, Pino Daniele, Sophia Loren, Massimo Troisi e Peppino De Filippo

Dai murales, questi grandi artisti ti scruteranno mentre passeggi, ricordandoti quanto sia glorioso il passato della città di Napoli

Lungo il vicolo, sono state create piccole edicole culturali, colme di libri di ogni genere, che richiamano alla memoria le edicole votive tradizionali della città. 

Alcuni di questi libri sono stati donati alla città dagli autori Maurizio De Giovanni e Lorenzo Marone, entrambi napoletani, e sono disponibili gratuitamente a chiunque desideri leggerli e lasciarsi contagiare dalla bellezza della cultura. 

L’essenza di questa idea risiede nella pratica del Bookcrossing, ovvero lo “scambio di libri” che avviene direttamente per le strade.

È possibile leggerli proprio lì, magari seduti sui gradini degli antichi palazzi di un quartiere che, nonostante le difficoltà, ha ancora molto da offrire e sta vivendo una rinascita esponenziale.

Questa strada entra a pieno diritto nella lista delle cose imperdibili da vedere a Napoli.

Opportunity Onlus: come nasce il Vicolo della Cultura

Opportunity Onlus è un’associazione giovane, nata circa dieci anni fa, con l’obiettivo di combattere la criminalità. 

Giovani di varie età si sono uniti all’iniziativa di volontariato, offrendo una nuova opportunità di vita a questa zona della città di Napoli

Numerosi volontari hanno ideato, sviluppato e creato un’associazione che tenda una mano ai più bisognosi in diverse forme:

  • offrendo assistenza medica e legale gratuita a chi ne avesse bisogno;
  • organizzando corsi gratuiti di teatro, lingue, doposcuola;
  • realizzando laboratori creativi che tenessero i bambini del quartiere lontano dalla strada.
Leggi Anche  Dove fare aperitivo a Napoli: Vomero, Chiaia e Centro Storico

La cultura ha preso il posto dell’illegalità, la solidarietà ha sostituito l’omertà

Il Vicolo della Cultura è uno dei tanti loro progetti di arte e cultura.

Come accennato all’inizio, un’azienda italiana ha collaborato con l’organizzazione non-profit in questo progetto. 

Prendendo ispirazione da un vecchio detto napoletano, è nata la campagna “Toraldo t’accumpagna”

Nel XVIII secolo, Padre Gregorio Rocco decise di appendere alle pareti dei vicoli del Rione Sanità immagini votive della Madonna con il Bambino, chiedendo ai cittadini di tenerle sempre illuminate e infondendo sicurezza con la celebre frase nel dialetto napoletano “a Maronn t’accumpagna” (Letteramente: la Madonna ti accompagni). 

Così furono create le prime fonti d’illuminazione a Napoli, che ridussero notevolmente il tasso di criminalità, e le famose edicole votive che ancora oggi caratterizzano i vicoli della città. 

Il progetto del Vicolo della Cultura ha voluto seguire questa antica tradizione partenopea e le edicole culturali lungo Via Montesilvano hanno le loro radici nelle edicole votive del XVIII secolo.

Ti aspettiamo a Napoliving!

Scoprire il Vicolo della Cultura nel Rione Sanità è un’esperienza unica che ti immergerà in un universo di arte, cultura e rinascita

Mentre cammini lungo via Montesilvano, ammirando i murales, le installazioni artistiche e le edicole culturali, sentirai il fascino di Napoli abbracciarti e la storia della città prendere vita davanti ai tuoi occhi.

Per rendere ancora più indimenticabile questa avventura, ti aspettiamo nelle camere di Napoliving, a breve distanza dal Rione Sanità e dal centro storico, Patrimonio Mondiale UNESCO

Non perdere l’occasione di essere parte di questa straordinaria rinascita artistica e sociale
Prenota la tua camera da Napoliving in questa pagina e lasciati conquistare dalla magia del Vicolo della Cultura nel Rione Sanità.