Il Pio Monte della Misericordia fu fondato nel 1602 e ha sede ancora oggi nello stesso storico palazzo, progettato dal regio architetto Francesco Antonio Picchiatti, al centro antico di Napoli, nei pressi del Duomo.

È una delle più importanti e antiche istituzioni benefiche napoletane di ispirazione cattolica, istituita da sette nobili napoletani: Cesare Sersale, Giovan Andrea Gambacorta, Girolamo Lagni, Astorgio Agnese, Giovan Battista d’Alessandro, Giovan Vincenzo Piscicelli e Giovan Battista Manso.

L’istituzione ha l’obiettivo di perseguire opere di umana solidarietà e assistenza socio-sanitaria, compatibilmente ai bisogni della popolazione napoletana ed alle disponibilità dell’Associazione, senza scopo di lucro.

Inoltre, si prende cura del proprio patrimonio storico, artistico ed archivistico, conservandolo e valorizzandolo con attività culturali autonome o in sinergia con altre istituzioni.

Nello storico palazzo, si nasconde l’elegante chiesa barocca, dove sulla facciata principale spiccano le statue allegoriche di Andrea Falcone.

All’interno si possono ammirare la grande tela di Caravaggio, Le Sette Opere di Misericordia, e altri capolavori di pittura e scultura, come il dipinto di Battistello Caracciolo, La Liberazione di San Pietro

Al primo piano del palazzo si trova la Quadreria, dove sono custoditi dipinti e bozzetti di Francesco De Mura, artista del ’700 napoletano, e opere di pittori italiani e stranieri dal Cinquecento all’Ottocento, tra cui Ribera, Giordano, Vaccaro, Fracanzano, Santafede, van Sommer.

La Chiesa, il Palazzo e la Quadreria rappresentano un nucleo unico di alto valore storico e culturale, nonché benefico, grazie alle attività dell’Istituzione.

Il Pio Monte della Misericordia è a pochi passi dalle nostre camere di Napoliving, quindi vale davvero la pena fare una visita.

Come arrivare al Pio Monte della Misericordia

Salendo Via Duomo da Piazza Nicola Amore, poco prima del Duomo, ai semafori bisogna girare a destra. 

Leggi Anche  Dove andare al mare a Napoli e dintorni

Il palazzo è situato di fronte alla piazzetta Riario Sforza, dove s’innalza la Guglia di San Gennaro, la prima realizzata a Napoli

Su uno dei lati della piazza potrai inoltre ammirare il San Gennaro e Caravaggio di Roxy in the Box, una delle più belle opere di street art a Napoli

Sulla facciata del palazzo è affisso uno stendardo con l’iscrizione “Pio Monte della Misericordia”.

Pio Monte della Misericordia: organizzare la visita

Visitare il Pio Monte della Misericordia – la Cappella, lo scalone monumentale fino alla Quadreria al primo piano, l’Archivio storico – Biblioteca e le Associazioni ospitate – significa immergersi in oltre quattro secoli di attività ininterrotta al fianco dei più deboli.

Consigliamo di visitare prima la Cappella, tra le più belle chiese di Napoli, poi salire al primo piano e proseguire la visita alla Quadreria dal salone di ingresso. 

La Cappella

La Cappella del Pio Monte della Misericordia è ancora oggi nel pieno esercizio delle sue funzioni religiose.

Fu costruita da Giovan Giacomo di Conforto intorno al 1604 e riedificata da Francesco Antonio Picchiatti.

L’impianto centrale è a pianta ottagonale e i dipinti richiamano le attività dell’ente benefico, soprattutto le Sette Opere di Misericordia, sull’altare maggiore, suggestivo capolavoro di Caravaggio.

Abbiamo non a caso dedicato un articolo al legame indissolubile tra Caravaggio e la città di Napoli e alle sue tre opere visitabili in città.

Nelle cappelle laterali potrai ammirare i dipinti di:

  • Battistello Caracciolo “San Pietro liberato dal carcere”;
  • Fabrizio Santafede “Cristo ospitato in casa di Marta e Maria” e “San Pietro resuscita Tabithà”;
  • Luca Giordano “Deposizione”;
  • Giovan Vincenzo D’Onofrio detto il Forlì “Il Buon Samaritano”;
  • Giovan Bernardo Azzolino “San Paolino libera lo schiavo”.
Leggi Anche  Cosa fare a Napoli a San Valentino

Ti ricordiamo che dal lunedì  al sabato si celebra la Santa Messa alle 9.30

La Quadreria

La Quadreria è conosciuta più comunemente come la Pinacoteca del Pio Monte della Misericordia.

Nel corso di secoli di attività benefica, l’Associazione riceve donazioni ed eredità – proprietà immobiliari e collezioni artistiche – rivendute per sostenere le opere di carità.

Dal 1972, il Pio Monte della Misericordia apre per la prima volta le sue porte e rende visitabile il suo patrimonio privato.

La collezione visitabile è composta da:

  • tutti i dipinti e bozzetti di Francesco De Mura, maggiore pittore attivo a Napoli nella seconda metà del ‘700;
  • dipinti di Massimo Stanzione e Mattia Preti, lascito di Gennaro Marciano, politico e avvocato;
  • 31 dipinti, tra cui l’Autoritratto di Luca Giordano, i grandi ritratti equestri della famiglia di Tocco, il dittico tardo quattrocentesco e la Pietà di Andrea Vaccaro, donazione del Barone Giuseppe Carelli, proveniente dal patrimonio di Maria Sofia Capece Galeota dei Duchi della Regina;
  • un insieme di tutte le altre eredità, donazioni o incarichi diretti dati agli artisti.

Ancora oggi continuano le donazioni, che hanno dato vita negli ultimi anni anche alla sezione di arte contemporanea.

La Quadreria si compone di molte sale, tutte affascinanti, ma la più bella è quella che nasconde un segreto in un armadio: la Sala del Coretto.

Sala del Coretto

Tra le aree della Quadreria è presente la Sala del Coretto, con una doppia apertura: 

  1. dal balcone, vedrai la guglia di Cosimo Fanzago dedicata a San Gennaro e la cupola della Cappella del Tesoro di S.Gennaro;
  2. nella parete di fronte, un armadio in legno nasconde un coretto – matroneo, che si affaccia sulla Cappella e regala una spettacolare visione d’insieme della Cappella con il capolavoro di Caravaggio.

L’Archivio Storico e la Biblioteca

L’archivio Storico del Pio Monte della Misericordia è il luogo dove risiede la sua memoria storica.

Leggi Anche  10 curiosità su Napoli che potresti non conoscere

Si trova al secondo piano ed è stato indicato come un vero e proprio polo culturale.

Gli orari sono martedì e giovedì dalle 10.00 alle 16.00, previa prenotazione.

La Biblioteca del Pio Monte della Misericordia contiene 17.000 volumi circa e si è formata grazie a lasciti o donazioni.

Custodisce in prevalenza libri di Storia, Meridionalistica, Araldica, Storia dell’Arte ed è stata dichiarata di interesse storico particolarmente importante, attraverso la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Campania.

Orari e biglietti

Gli orari di apertura del Pio Monte della Misericordia sono dal lunedì al Sabato dalle 10.00 alle 18.00. La domenica dalle 9.00 alle 14.30

Resta chiuso il giorno di Natale, 25 Dicembre, e il giorno di Pasqua.

Mentre il 24 Dicembre e il 31 Dicembre è aperto dalle 10.00 alle 14.30 e il 15 Agosto dalle 9.00 alle 14.30.

La celebrazione della Santa Messa avviene tutti i giorni alle 9.30 (tranne la domenica).

Il costo dei biglietti è di € 8,00 intero e € 6,00 ridotto per minori di 25 anni e gruppi fino a 15 persone.

Speriamo di averti convinto a visitare il Pio Monte della Misericordia perché è davvero un luogo unico al mondo.

Ti aspettiamo nelle camere di Napoliving per accoglierti e darti tutte le informazioni di cui hai bisogno.