Tra i palazzi di Napoli da vedere quando si arriva in città, c’è il Palazzo Mannajuolo, un edificio storico monumentale, che si trova nel quartiere Chiaia.

Dal punto di vista architettonico, la città ha moltissimo da offrire, basta passeggiare per il centro e ad ogni angolo spunterà una meraviglia da ammirare.

Quasi tutti i palazzi storici sono privati e quindi chiusi al pubblico, ma per alcuni basta chiedere gentilmente il permesso al portiere per potersi affacciare un attimo nel cortile e sorprendersi degli interni.

Questo è anche il caso di Palazzo Mannajuolo, che nel dettaglio è situato in via Filangieri 36, all’angolo tra questa strada e via dei Mille, proprio accanto ai gradini Francesco d’Andrea.

Siamo molto vicini alle nostre camere di Napoliving, quindi prenotare da noi ti permetterà di raggiungere a piedi in pochi minuti il Quartiere Chiaia, punto di riferimento per lo shopping di lusso, e vedere Palazzo Mannajulo.

Cos’ha questo edificio di tanto speciale? Scopriamolo insieme!

Palazzo Mannajuolo: come nasce il progetto

Palazzo Mannajuolo è uno splendido esempio di architettura liberty con influenze neo-barocche.

Giuseppe Mannajuolo, proprietario del lotto da edificare, è conosciuto per aver realizzato le terme di Agnano, per il ricco ampliamento del quartiere di Chiaia, per opere come il Palazzo di Giustizia di Roma e per aver portato l’architetto Giulio Ulisse Arata a Napoli.

Proprio insieme a lui (autore anche del Palazzo Cottrau – Ricciardi a Piazza Amedeo) e all’ingegnere Gioacchino Luigi Mellucci progettò  e realizzò Palazzo Mannajuolo.

Leggi Anche  Pasqua a Napoli: dove andare e cosa fare

Giulio Ulisse Arata fu tra i pionieri dello stile liberty napoletano e, tra il 1909 e il 1911, diede a via dei Mille un fondale scenico straordinario con questo edificio, tra i primi realizzati in calcestruzzo armato.

Cosa vedere a Palazzo Mannajuolo

Come abbiamo detto, già l’esterno del palazzo con le sue forme concave e convesse e le sue grandi vetrate è da ammirare per gli amanti dell’architettura liberty e art-nouveau.

L’edificio si alza per cinque piani, divisi in quattro abitazioni ciascuno, e guardandolo da via dei Mille sembra che abbia una cupola sulla sommità.

In realtà, è solo un effetto visivo, un atto scenografico voluto, poiché in cima c’è un semiguscio in cemento, una finta cupola.

Palazzo Mannajuolo si mostra in tutta la sua bellezza architettonica già all’esterno, ma il pezzo forte è all’interno: la sua scala elicoidale.

La scala elicoidale

Diventata famosa grazie al film “Napoli Velata” di Ferzan Ozpetek, la scala elicoidale, realizzata in marmo a sbalzo e balaustre in ferro battuto, è un’opera architettonica memorabile.

Oltre alla sinuosità delle forme, ciò che colpisce chiunque la veda è la luce proveniente dall’ultimo piano, filtrata dall’occhio centrale della scala

Tenere lo sguardo verso l’alto per più di qualche minuto, ammirando il gioco vorticoso, crea le vertigini: provare per credere!

La scala è stata costruita un gradino per volta, inserendoli ad uno ad uno nel muro d’anima perimetrale, e guardandola ti viene da pensare come sia possibile tanta magia e bellezza restino immutate da oltre un secolo e più.

Ma non è la sola curiosità da scoprire di questo edificio!

Leggi Anche  Chiesa di San Giorgio Maggiore di Napoli: come visitarla

Cinema Teatro Kursaal

Un’altra particolarità originale da sapere è che al piano terra di Palazzo Mannajuolo nel 1925 era presente il Cinema – Teatro Kursaal.

Cosa c’è di tanto speciale? In questo luogo, nel 1931, debuttò la Compagnia del Teatro Umoristico “I De Filippo”, esatto proprio Eduardo Peppino e Titina, figli illegittimi di Eduardo Scarpetta.

Qui andò in scena per la prima volta “Natale in Casa Cupiello”.

Oggi il Teatro, purtroppo, non esiste più, ma c’è chi giura di sentire ancora di notte le battute di Eduardo e le risate fragorose del pubblico rincorrersi come un eco lontano sulla scala elicoidale.

Poco distante da qui, si trovano anche Palazzo Scarpetta in Via Vittoria Colonna e, più su, nel quartiere Vomero, Villa La Santarella, entrambe residenze di Eduardo Scarpetta.

Non ti resta che prenotare una camera da noi

Adesso che sai perché Palazzo Mannajuolo è uno di quei luoghi di Napoli da non perdere, non ti resta che prenotare una camera da noi.

Sarai vicinissimo ai posti di cui ti abbiamo parlato nell’articolo e potrai raggiungere a piedi anche il Lungomare Caracciolo.

Saremo felici di accoglierti e di darti tutte le informazioni necessarie per pianificare il tuo itinerario napoletano al meglio.