Scopriamo insieme l’incredibile bellezza della Stazione Toledo di Napoli, considerata la fermata metro più affascinante d’Europa e del mondo

La sua vicinanza alle camere di Napoliving rende l’esperienza ancora più comoda: puoi raggiungerla facilmente a piedi o prendendo la metropolitana alla fermata Università, proprio accanto alla nostra struttura.

La Stazione Toledo fa parte del progetto Stazioni dell’Arte ed è un luogo d’interesse imperdibile nel tuo itinerario napoletano.

Secondo il Daily Telegraph, è la metropolitana più bella d’Europa, e alcuni la considerano addirittura la più bella al mondo. Questo riconoscimento è stato confermato anche dalla classifica stilata dalla CNN.

Se desideri ammirare con i tuoi occhi la magnificenza della Stazione Toledo a Napoli, prenota una delle nostre camere e leggi in questo articolo tutte le informazioni necessarie alla visita

Oltre all’iconica galleria del mare, potrai scoprire gli orari delle corse e il costo dei biglietti

Goditi questa straordinaria fusione di arte e mobilità, mentre esplori una delle fermate della metropolitana più straordinarie al mondo.

Stazione Toledo di Napoli: cosa vedere

Dalle nostre confortevoli camere di Napoliving, puoi raggiungere la fermata Toledo della metropolitana in soli 10 minuti a piedi oppure prendendo la fermata Università in direzione Piscinola, proprio fuori dalla nostra struttura, e scendendo dopo due fermate.

La stazione Toledo, progettata dall’architetto spagnolo Óscar Tusquets, si trova sulla Linea 1 ed è una tappa fondamentale per arrivare a Via Roma, a due passi dai Quartieri Spagnoli e in prossimità di Piazza del Plebiscito, della Galleria Umberto I e del Teatro San Carlo.

La fermata Toledo è nota per la sua iconica Galleria del Mare, ma c’è molto di più da scoprire. 

Ecco l’elenco delle opere d’arte che puoi trovare all’interno della stazione, che ti faranno scoprire anche varie sfaccettature della città di Napoli.

I mosaici di William Kentridge

Esplorando il primo livello della stazione Toledo di Napoli, ti troverai immerso in una suggestiva atmosfera dai toni cupi

Il colore nero, richiamo dell’asfalto della città, domina lo spazio, ma ciò che ti colpirà sono anche i resti della cinta muraria di età aragonese che si integrano perfettamente nel progetto architettonico. 

In questa atmosfera, spiccano due grandiosi mosaici creati da William Kentridge:

  • Il primo mosaico rappresenta una processione di sagome scure, guidate dal patrono di Napoli, San Gennaro. Sullo sfondo, svetta il progetto per la Ferrovia Centrale, che dà il nome all’opera. Un’immagine suggestiva che si fonde con la storia e il tessuto urbano della città;
  • Il secondo mosaico si trova sopra le scale mobili e porta il titolo di “Bonifica dei quartieri bassi di Napoli in relazione alla ferrovia metropolitana”. Mostra il primo progetto di metropolitana a Napoli, ideato da Lamont-Young, che si staglia come sfondo dell’opera.

In questa combinazione di arte, storia e innovazione, l’esplorazione del primo livello della stazione Toledo di Napoli si rivelerà un’esperienza molto avvincente.

Leggi Anche  Come visitare il Monastero di Santa Chiara e il suo Chiostro Maiolicato

La famosa Galleria del Mare

Scendendo al livello successivo, vedrai un vibrante colore giallo, simbolo della terra e del tufo che caratterizzano Napoli. Piano piano, l’azzurro inizia a farsi scorgere, intensificandosi man mano che si va in profondità, fino a raggiungere il livello “zero”, il livello del mare.

Discendendo le scale mobili, ciò che catturerà immediatamente la tua attenzione sarà il famoso e suggestivo “Crater de luz”, un cono di luce che attraversa tutti i livelli della stazione Toledo di Napoli

Il progetto di quest’opera è stato realizzato in modo che la luce solare penetri direttamente dall’esterno

Grazie all’aggiunta di 144 LED programmati da Robert Wilson, si creano misteriosi giochi di luce e cromie, che ti trasporteranno in un mondo sommerso.

Per amplificare ulteriormente la sensazione di trovarsi in fondo al mare, alla fine delle scale mobili, si trovano le “Olas”, onde in rilievo, lungo i lati, realizzate con due lunghi light-box a luce LED.

Le onde di Wilson ti accompagneranno verso la banchina. 

Senza dubbio, la celebre “Galleria del Mare” è l’opera più iconica della stazione Toledo di Napoli, ed è ciò che da sempre si associa all’immagine della fermata più bella d’Europa e del mondo.

Men at Work di Achille Cevoli

Nelle vicinanze delle scale fisse d’emergenza, l’artista Achille Cevoli ha realizzato un intervento artistico composto da tre grandi immagini fotografiche, elaborate digitalmente e stampate su pannelli di pietra sintetica di tipo “stone”

Quest’opera rappresenta un omaggio al tema del lavoro operaio e dedica un tributo alle maestranze che hanno contribuito allo scavo delle gallerie e alla costruzione delle stazioni metropolitane.

Le immagini fotografiche, trasformate digitalmente, catturano l’essenza dell’operosità e dell’abilità necessarie per portare a termine un progetto così complesso.

Quest’opera, collocata strategicamente in prossimità delle scale fisse d’emergenza, invita ad apprezzare e riflettere sull’enorme sforzo di coloro che hanno contribuito alla creazione delle gallerie e delle stazioni metropolitane di Napoli.

Razza Umana di Oliviero Toscani

Ai lati dei tapis roulant che costeggiano l’uscita per Montecalvario, è presente l’opera “Razza Umana” di Oliviero Toscani.

Questi due lunghi light-box rappresentano uno studio fotografico incentrato sulla morfologia degli esseri umani

L’installazione comprende molte fotografie, alcune delle quali ritraggono volti di personaggi pubblici, scattate nelle piazze della città, mentre altre sono state catturate in diversi luoghi in Italia e nel mondo

L’obiettivo principale, come spiegato da Toscani, è esplorare e comprendere come siamo fatti e quale aspetto abbiamo, al fine di apprezzare le nostre differenze

Attraverso l’acquisizione di impronte somatiche e la cattura dei volti dell’umanità, questo progetto ci invita a riflettere sulla vasta gamma di forme e caratteristiche che definiscono la razza umana.

Rame fuso colato sulle rive del golfo di Napoli di Lawrence Weiner

Le scale mobili dell’uscita Montecalvario si tingono di nuovo di nero, attraverso l’opera dell’artista Lawrence Weiner, uno dei principali esponenti dell’Arte Concettuale.

Sono pannelli neri con caratteri tipografici in argento specchiante, che riportano la frase epigrammatica: “Molten copper poured on the rim of the bay of NaplesRame fuso colato sulle rive del golfo di Napoli – sia in italiano che in inglese.

Questa dichiarazione evocativa crea un’immagine potente che si lega alla presenza di una linea curva, che sembra sintetizzare la forma del golfo

Leggi Anche  Street Art a Napoli: opere da non perdere

Attraversando queste scale mobili, vivrai in un’esperienza estetica che unisce l’arte concettuale, il potere evocativo delle parole e l’elemento visivo della forma curva

L’opera di Weiner aggiunge una dimensione unica alla stazione di Toledo, invitandoti a riflettere sulla connessione tra il linguaggio, la geografia e la bellezza del luogo.

I ritratti in bianco e nero di Shirin Neshat

Il corridoio che porta all’uscita Montecalvario della stazione di Toledo ospita un’installazione di grande impatto: 9 ritratti realizzati dall’artista di origine iraniana, Shirin Neshat

L’installazione, dal titolo “Il teatro è vita. La vita è teatro – Non chiedere dove è andato l’amore”, si caratterizza per un’intensa drammaticità, essendo composta da grandi ritratti in bianco e nero.

Per questa opera, Neshat ha scelto come soggetti nove attori della scena napoletana. L’intento è di rappresentare, attraverso nove diverse espressioni corporee, il sentimento di perdita e separazione.

Attraversando il corridoio, ti immergerai in una narrazione visiva coinvolgente, in cui i volti degli attori napoletani, rappresentati in bianco e nero, trasmettono un senso di conflitto interiore.

L’opera rappresenta un’aggiunta significativa al corridoio della stazione di Toledo, che offre un momento di contemplazione e connessione con le complesse esperienze umane.

Il Volo e Le tre finestre di Ilya ed Emilia Kabakov

Al piano intermedio dell’uscita per Montecalvario, si trova un’opera d’arte con una visione ariosa e panoramica di Ilya ed Emilia Kabakov.

In questa rappresentazione su pannelli in ceramica di Faenza, gli esseri umani si librano in volo nel cielo insieme a stormi di uccelli e aeroplani. 

La scelta del soggetto è stata spiegata dalla coppia di artisti, i quali hanno evidenziato il problema delle persone che, entrando in una stazione della metropolitana e scendendo sottoterra, perdono di vista il cielo.

Attraverso la loro opera, ti restituiscono la visione del cielo, trasmettendo una sensazione di libertà e leggerezza, con una prospettiva unica, in cui gli esseri umani si uniscono agli elementi naturali e all’ambito del volo.

Engiadina di Francesco Clemente

Nell’atrio per l’uscita a largo Montecalvario, troverai un’imponente opera d’arte chiamata “Engiadina”, realizzata da Francesco Clemente

Questa straordinaria creazione è un mosaico realizzato con pietra e ceramica di Vietri, che rappresenta uno spettacolare paesaggio alpino. 

Il mosaico è attraversato da una fascia in ceramica di un vivace “giallo Clemente”, sulla quale sono raffigurate figure femminili in un corteo, ispirate ad antiche immagini di danzatrici rinvenute nell’isola di Creta, risalenti all’era minoica.

Il titolo scelto per questo magnifico mosaico, come spiegato dall’artista Clemente, fa riferimento alla valle di Engadina, situata nel Canton Grigioni in Svizzera e frequentata anche dal filosofo Nietzsche e dall’artista Segantini

La scelta di rappresentare la valle di Engadina è significativa perché rappresenta l’ultimo luogo in cui la luce mediterranea si arresta.

Attraverso l’opera “Engiadina”, l’artista Francesco Clemente ha creato un connubio unico tra le influenze alpine e mediterranee. La scelta dei colori e dei materiali utilizzati enfatizza la bellezza e la diversità del paesaggio, offrendo un’esperienza visiva coinvolgente e suggestiva.

Biglietto Stazione Toledo: quanto costa

Come avrai capito, la stazione Toledo di Napoli è un vero tesoro di opere d’arte che meritano di essere ammirate. 

Per poterle apprezzare tutte senza perderne nemmeno una, basterà fare una corsa in metropolitana in città.

Troverai la lista completa delle tariffe sul sito ufficiale dei trasporti Anm, ma i biglietti più acquistati sono:

  • corsa singola che costa €1,20;
  • giornaliero a €4,20, molto utile per fare un tour delle più belle stazioni dell’arte della metropolitana di Napoli.
Leggi Anche  Napoli in bici: scoprire la città in modo alternativo

Puoi acquistare biglietti e abbonamenti presso:

  • le rivendite autorizzate del circuito Unico Campania; 
  • punti vendita ANM;
  • emettitrici automatiche presenti nelle stazioni metro e funicolari. 

Per un’esperienza di viaggio senza l’utilizzo di biglietti cartacei, puoi usufruire del servizio Tap&Go®, che permette di viaggiare in modalità ticket-less utilizzando direttamente le carte di pagamento contactless sui tornelli abilitati. 

Per ulteriori informazioni, ti consigliamo di consultare la pagina dedicata al servizio Tap&Go sul sito UnicoCampania.

Stazione Toledo: orari

La stazione Toledo di Napoli è una delle 19 fermate presenti sulla Linea 1 della metropolitana

Il percorso inizia da Garibaldi e impiega circa 40 minuti per arrivare al capolinea finale di Piscinola. Toledo è la quarta fermata partendo da Garibaldi e la quattordicesima partendo da Piscinola.

Gli orari della metro variano a seconda delle fasce orarie e dei giorni della settimana, quindi consulta sempre il sito ufficiale

Ti consigliamo di visitare la stazione Toledo evitando gli orari di punta per godere di ogni opera senza preoccuparti della folla che potrebbe ostacolare la tua visione.

Stazione Toledo, la più bella d’Europa: motivazioni

Se ti stai chiedendo qual è la motivazione per la quale la stazione Toledo è stata insignita del titolo della più bella d’Europa, noi abbiamo cercato di risponderti mostrandoti come sia una vero e proprio museo sotterraneo.

La stazione Toledo di Napoli è un capolavoro architettonico che affascina per la sua complessità e profondità

Con i suoi cinque piani che si sviluppano come un cratere e collegano la superficie con il sottosuolo a oltre 40 metri di profondità, questa stazione crea un’esperienza unica. 

I colori utilizzati, come l’ocra e il blu, sono scelti con cura e richiamano le sfumature della terra e del mare, creando un’atmosfera suggestiva.

Le opere d’arte che arricchiscono la stazione sono straordinarie e di prestigio, con significati potenti.

Insomma, le caratteristiche uniche della stazione Toledo di Napoli, gli elementi architettonici affascinanti e le opere d’arte straordinarie rendono questa stazione un’attrazione imperdibile.

Ti aspettiamo da Napoliving!

Se desideri visitare la meraviglia artistica della stazione Toledo di Napoli, alloggiare presso le nostre camere rappresenta una scelta strategica. 

La posizione ideale ti consente di raggiungere la stazione a piedi con una breve passeggiata di soli 10 minuti o di prendere la comoda fermata Università (compresa nel circuito delle stazione dell’arte) proprio accanto alla struttura e scendere dopo due sole fermate.

Soggiornando da Napoliving, potrai godere di un alloggio piacevole vicino a uno dei principali punti di interesse di Napoli e ad altre attrazioni della città, come i Quartieri Spagnoli, Via Toledo e Piazza del Plebiscito.

Non perdere l’opportunità di vivere un’esperienza indimenticabile, corri a prenotare una delle nostre camere!