La Stazione di Napoli Centrale, situata in Piazza Garibaldi, è la porta d’accesso principale alla città partenopea

Con un flusso di milioni di passeggeri l’anno, rappresenta un crocevia fondamentale per il turismo in Campania.

Se sei arrivato in città in treno per raggiungere le nostre camere di Napoliving e sei curioso di esplorare uno dei luoghi più iconici della città e i suoi dintorni, la Stazione Centrale di Piazza Garibaldi ti attende con le sue storie millenarie e la sua moderna bellezza.

Piazza Garibaldi: un luogo iconico

Piazza Garibaldi è una delle piazze più importanti e trafficate di Napoli, una vera e propria crocevia di viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo. 

La sua storia è intrecciata con quella della stazione ferroviaria Napoli Centrale, che da oltre un secolo accoglie coloro che giungono in città o partono per nuove avventure. 

Ma non è solo un punto di transito: è un luogo che ha visto il passaggio dei secoli e delle epoche, trasformandosi di volta in volta per rispecchiare lo spirito della città.

La piazza, inaugurata nel 1866, ha subito diverse trasformazioni nel corso del tempo. In origine chiamata Piazza della Stazione o della Ferrovia, assunse il nome di Piazza dell’Unità Italiana nel 1891

Nel 1904 fu inaugurata la statua di Giuseppe Garibaldi, a cui la piazza è dedicata. L’aspetto odierno risale agli anni ’60, con la demolizione e ricostruzione della stazione.

Leggi Anche  Come arrivare a Pompei da Napoli

Il progetto di riqualificazione del 2004, ad opera dell’architetto Dominique Perrault, ha conferito alla piazza un’anima moderna e funzionale

Cosa Fare all’Interno della Stazione Garibaldi

Quando sarai alla Stazione di Napoli Centrale, ti troverai immerso in un mondo di possibilità. Oltre ad essere un punto di partenza e arrivo per i viaggiatori, è anche un vivace centro di attività

La galleria commerciale offre molti negozi e servizi, rendendo l’attesa del treno un’esperienza piacevole. Potrai dedicare del tempo allo shopping, gustare prelibatezze culinarie presso la Food Hall o ammirare le opere d’arte contemporanea che decorano gli spazi interni.

Oltre ad essere un hub di interscambio per treni, metropolitane e autobus, la Stazione Centrale di Napoli ospita numerosi negozi, bar, ristoranti e fast food, mentre l’area Food Hall propone specialità gastronomiche campane e nazionali.

Cosa vedere nei dintorni della Stazione Garibaldi

Dalla Stazione Centrale è possibile raggiungere facilmente a piedi o con i mezzi pubblici alcuni dei luoghi più suggestivi di Napoli.

Porta Nolana, con il suo mercato vivace e colorato, offre un’immersione autentica nella vita quotidiana napoletana

A pochi passi si trovano Piazza Mercato con la Chiesa di Sant’Eligio e Corso Umberto I (in un vicoletto potrai scoprire anche l’affascinante Fontana delle Zizze)

Poco più lontano, il quartiere di Forcella offre un’esperienza autentica della città, mentre Castel Capuano e Porta Capuana raccontano la storia millenaria di Napoli

Non dimenticare di esplorare il Mercato del Buvero, conosciuto poco turisticamente, ottocento metri di strada che fanno da ponte tra piazza Carlo III e Porta Capuana. 

Un’esperienza sensoriale completa, un tuffo nella cultura e nelle tradizioni napoletane. Non è solo un luogo di vendita di merci, ma un vero e proprio microcosmo sociale dove si respira l’autenticità della vita di quartiere.

Leggi Anche  Oroscopo Napoletano: scopri l’itinerario giusto per il tuo segno!

Napoliving: il tuo punto d’appoggio in città

Le nostre camere di Napoliving, situate in una posizione strategica vicino al centro storico, sono facilmente raggiungibili dalla Stazione Centrale con la metropolitana (fermata Università a pochi passi da noi). 

Soggiornare presso Napoliving ti permetterà di vivere a pieno la tua esperienza napoletana. La posizione centrale, la comodità dei servizi e la cordialità del nostro staff ti garantiranno un soggiorno confortevole e indimenticabile.

Prenota ora la tua camera e preparati a scoprire la bellezza di Napoli!

.

Foto in copertina di CAPTAIN RAJU, licenza Wikipedia Creative Commons a questo link